Non centra…ma lo dico

Cosa centra un’articolo su Sanremo?….cosa centra parlare di musica in un Blog che prevalentemente uso per esprimere pareri culinari e descrivere ricette? Nulla.

La mia riflessione nasce da una semplice voglia di esprimere un mio parere. Sanremo  per me è un emerita ovvietà. Nulla di nuovo, nulla di stimolante e nulla che per il sottoscritto valga la pena guardare, ascoltare o anche solo considerare. Da Sanremo possiamo partire per una considerazione più profonda : L’italiano in cosa si sta trasformando?….vedo maree di persone che come caproni guardano questo Show e ne discutono senza accorgersi che l’ovvietà sta diventando la “novità” alla quale prestare attenzione per dimenticare il mondo diverso che ci circonda. L’ovvietà sta conquistando lentamente il podio in una corsa verso l’appiattimento delle idee e verso lo spirito critico del singolo. L’ovvietà sta diventando la pialla con la quale distruggere tutti ciò che è vario e diverso. Questa regressione mi preoccupa e mi spinge sempre di più a dire la mia.

Anche la cucina e la varietà di questa ne è soggetta. Programmi su programmi che non fanno altro che mandare in onda Chef o presunti tali che con destrezza fanno ricette sempre varie e sempre più elaborate che nessuno potrà mai replicare in casa. L’ovvio ovvero il fatto di vedere un qualcosa non replicabile ormai predomina anche questo genere di programmi. Tutti ovviamente a rincorrere l’imitazione ed  Il tutto condito dal concetto che se è semplice non è buono. Per me è esattamente il contrario. Per me la semplicità in cucina rappresenta l’arte estrema del presentare il tutto nella sua vera e propria forma. Semplificare per assaggiare meglio e comprendere il tutto in forma semplice e lineare. Rielaborare si ma a sentimento proprio…seguendo i propri istinti e i propri gusti senza imposizioni esterne.

A pensarci bene questa regressione la possiamo allargare a molti altri aspetti, al Sesso per esempio. Quanti possono dire di variare le proprie esperienze anche di coppia? quanti possono dire di avere una vita sessale appagante dal punto di vista della varietà ( ammesso che la varietà sia una esigenza), oppure al cinema, con film italiani scontati con storie ormai narrate mille volte ( vedi il recente “Ligabue story” ) e sempre finalizzate all’innalzamento di concetti cattolici evidenti ed emergenti anche se conditi con destrezza da contrasti messi li non a caso.

Morale?…non esiste una morale c’è solo il fatto e basta. Quello che mi auguro è solo una cosa: non smettere mai ( almeno personalmente) di pensare con la propria testa rispetto a quello che in televisione, radio o web ci propongono come verità assoluta perché il tutto sicuramente è condito con ingredienti che a lungo andare potrebbero far risultare il piatto dell’esistenza insipido.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...